I MICRORGANISMI NEGLI ALIMENTI PDF Stampa E-mail
Igiene
Scritto da Damiano Savin   

I microrganismi sono in grado di alterare le caratteristiche organolettiche degli alimenti ( odore, colore, sapore, forma e aspetto), i loro principi nutritivi (grassi, proteine,zuccheri, e vitamine), nonché la loro salubrità, rendendoli nocivi per la nostra salute.

 

Miceti tra cui lieviti e muffe sono visibili ad occhio nudo, poiché rivestono la superficie degli alimenti sottoforma di una patina cotonosa di diverso colore.

I microrganismi degli alimenti si possono distinguere in:

UTILI: quelli usati nelle fermentazioni e nella maturazione o stagionatura di certi alimenti

DANNOSI : quelli in grado di alterare gli alimenti o addirittura di produrre sostanze velenose come “tossine” o micotossine.

I microbi pericolosi per l’uomo e/o gli animali si chiamano patogeni.

La crescita dei microbi può essere condizionata da:

  • scarsa presenza di acqua nell’ alimento
  • presenza o meno di aria
  • acidità del prodotto
  • temperatura dell’ambiente.

I MICROBI responsabili di vari disturbi e malattie per l’uomo si sviluppano bene tra:

 

con temperature ottimali tra:                    

                                                  

 

Il danno alla salute dell’uomo può manifestarsi in tre modi diversi:

 

TOSSINFEZIONE ALIMENTARE

Quando la malattia è causata dall’ingestione con gli alimenti di tossine più i microbi che le producono.

INFEZIONE ALIMENTARE

Quando la malattia è provocata dall’ingestione con gli alimenti di soli microbi patogeni.

INTOSSICAZIONE ALIMENTARE

Quando la malattia è dovuta all’ingestione con gli alimenti di quantità ingenti di tossine preformate o di sostanze tossiche.

 

Spesso nella dizione comune si usa il termine “Tossinfezione” per indicare uno dei tre modi indifferentemente.

Le principali malattie alimentari di origine microbica sono:

  • Intossicazione da Stafilococchi
  • Intossicazione da Clostridium Botulinum comunemente detto “ il botulino”
  • Tossinfezione da Clostridium Perfrigens e Bacillus Cereus.
  • Infezione da Salmonelle

Tra le più frequenti intossicazioni alimentari si segnala quella da ingestioni di tonno contaminato da istamina. E’ sempre bene evitare di acquistare tonno contenuto in grosse scatole e conservato a temperatura ambiente.

 

 

 

Le più lette


Thumbnail
Pappardelle con crema di carote e rucola fresca
Primi  (16)
 
Thumbnail
Appareille a crepes
Impasti base  (14)
 
Thumbnail
Meringa ordinaria o francese
Impasti base  (14)
 
Thumbnail
Meringa italiana
Impasti base  (14)
 
Thumbnail
Meringa svizzera
Impasti base  (14)

Articoli

  • Lo storione cobice
  • I funghi di Costozza
  • Costo ricetta
  • La patata di Roveredo
  • Il prosciutto di Montagnana

L'Agroalimentare

#666
#666
#666

AGLIO DI VOGHIERA

AGLIO DI VOGHIERA Continua

#666

LO SCALOGNO DI ROMAGNA

LO SCALOGNO DI ROMAGNA Continua

#666
#666
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/939932RISO_DI_GRUMOLO_2.jpg
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/356406arance.jpg
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/302961moche.jpg
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/208069l___aglio.jpg
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/233858ulbo.jpg
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/454749Immagine9.gif
thumbnailthumbnailthumbnailthumbnailthumbnailthumbnail

Contenuti Multimediali

  • Sottovuoto
  • Cheesecake
  • Canestrelli