ETICHETTATURA DEI PESCI E DELLE UOVA PDF Stampa E-mail
Igiene
Scritto da Damiano Savin   

I PESCI

Anche i pesci sono caduti nella rete della regolamentazione e in etichetta o sui cartelli dei banchi di esposizione, per permettere la tracciabilità del prodotto, devono essere riportati:

• il nome della specie

• il metodo di produzione, se di pesca o di allevamento

• la zona di cattura.

Altre informazioni utili da controllare sono il peso ed il prezzo per chilogrammo e la data di confezionamento e di scadenza.

 

LE UOVA

CHE COSA SI DEVE TROVARE SULL’ETICHETTA

Anche le uova hanno una carta di identità, che viene riportata sulla confezione e sul guscio, e contiene:

• la data di scadenza è costituita da due date: una riguarda il negoziante ed è di 21 giorni dalla data di deposizione, oltre i quali non può più vendere le uova; l'altra data di scadenza, che è quella effettivamente indicata in etichetta, è per il consumatore ed è di 28 giorni dalla deposizione; comprando le uova il 21° giorno, il consumatore ha ancora una settimana di tempo per consumarle

• l’avvertenza di conservare le uova in frigorifero

(per i venditori non vale la medesima raccomandazione, per cui tanti tengono le uova sugli scaffali ove invecchiano rapidamente, specialmente d'estate)

• la data di deposizione da parte della gallina e la data di imballaggio in etichetta sono facoltative

• oltre che in codice (sul guscio), l’origine delle uova può essere indicata anche in etichetta, così il consumatore può sapere da che città provengono

• sugli imballaggi può essere indicato il tipo di alimentazione delle galline, secondo modalità determinate.

Per conoscere la qualità delle uova si deve guardare la classificazione:

CATEGORIA A uova fresche, in cui rientrano le EXTRA*

CATEGORIA B uova di seconda qualità

CATEGORIA C uova declassate destinate all'industria

 

 

* La dicitura "extra" c’è solo sulle confezioni per le uova di categoria A, commercializzate entro il settimo giorno dall'imballaggio.

Per conoscere il peso si deve fare attenzione alle sigle:

XL Grandissime 73 g e più

L Grandi 63 - 73 g

M Medie 53 - 63 g

S Piccole meno di 53 g

 

COME LEGGERE IL CODICE DI IDENTITÀ

Tipologia di allevamento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al posto della scritta “DEP” (deposto il) si può trovare la dicitura “ENTRO”: da consumarsi preferibilmente entro il...

 

 

Le più lette


Thumbnail
Pappardelle con crema di carote e rucola fresca
Primi  (16)
 
Thumbnail
Meringa svizzera
Impasti base  (14)
 
Thumbnail
Meringa ordinaria o francese
Impasti base  (14)
 
Thumbnail
Meringa italiana
Impasti base  (14)
 
Thumbnail
Meringa giapponese
Impasti base  (14)

Articoli

  • Lo storione cobice
  • I funghi di Costozza
  • Costo ricetta
  • La patata di Roveredo
  • Il prosciutto di Montagnana

L'Agroalimentare

#666
#666
#666

AGLIO DI VOGHIERA

AGLIO DI VOGHIERA Continua

#666

LO SCALOGNO DI ROMAGNA

LO SCALOGNO DI ROMAGNA Continua

#666
#666
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/939932RISO_DI_GRUMOLO_2.jpg
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/356406arance.jpg
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/302961moche.jpg
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/208069l___aglio.jpg
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/233858ulbo.jpg
http://chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/454749Immagine9.gif
thumbnailthumbnailthumbnailthumbnailthumbnailthumbnail

Contenuti Multimediali

  • Sottovuoto
  • Cheesecake
  • Canestrelli